Emergenza con i bambini

Gen 20, 2017 | Emergenza, Scuola e disagio

ragazza unicorno gonfiabile mare verde

Linee guida per la gestione delle situazioni di Emergenza con i bambini.

I comportamenti consigliabili agli adulti nei confronti dei bambini dopo una catastrofe o un evento traumatico possono essere:

  • Essere un esempio di calma e controllo. I bambini prendono i suggerimenti emotivi dagli adulti significativi nella loro vita. Evitare di apparire ansiosi o impauriti.
  • Rassicurare i bambini che sono al sicuro e lo sono anche gli altri adulti importanti nella loro vita.
  • Ricordare loro che la responsabilità del caso è in mano a persone fidate. Spiegare che operatori di emergenza, polizia, dottori e persino l’esercito stanno aiutando le persone che sono ferite e stanno lavorando per assicurare che non si verifichino ulteriori tragedie.
  • Fare sapere ai bambini che sentirsi sconvolti è normale. Fare sapere che tutti i sentimenti vanno bene quando avviene una tragedia. Lasciare parlare i bambini dei loro sentimenti e aiutarli a metterli in prospettiva.
  • Osservare lo stato emotivo dei bambini. A seconda della loro età è possibile che non esprimano verbalmente le loro preoccupazioni. Cambiamenti nel comportamento, nell’appetito e nel modo di addormentarsi possono indicare un livello di dolore, ansia o disagio.
  • Dire ai bambini la verità. Non cercare di fare finta che gli eventi non siano accaduti o che non siano gravi. I bambini sono scaltri. Essi si preoccuperanno di più se ritengono che siete troppo spaventati per dir loro ciò che è accaduto.
  • Attenersi ai fatti. Non alleggerire o far congetture su ciò che è accaduto e ciò che potrebbe accadere. Non dilungarsi sulla dimensione o portata della tragedia in particolare con i bambini piccoli.

Fare in modo che le vostre spiegazioni siano appropriate:

  • I bambini delle prime classi elementari hanno bisogno di informazioni semplici.
  • I bambini delle classi elementari superiori e delle prime medie possono aver bisogno di separare la realtà dalla fantasia.
  • Gli studenti più grandi hanno convinzioni più forti e vogliono aiutare chi è in pericolo.
  • Fare in modo che possano esprimere i loro sentimenti di paura ed ansia attraverso ogni canale di comunicazione (parlare, dipingere, scrivere) in modo che il loro malessere sia manifestato

Articoli correlati:

Hikikomori

Hikikomori

L’hikikomori rappresenta una grave forma di ritiro sociale, diffusa tra i giovani ed è attualmente oggetto di allarme e preoccupazione nelle società urbanizzate e tecnologicamente avanzate. Hikikomori deriva dai verbi giapponesi hiku (tirare indietro)...

leggi tutto
Insegnanti e burnout

Insegnanti e burnout

La figura dell'insegnante ha da sempre ricoperto un ruolo di particolare importanza sia per l'insegnamento, in quanto tale, sia per il ruolo educativo. Nel corso degli anni la scuola è stata, ed è ancora oggi, protagonista di molteplici cambiamenti alcuni anche...

leggi tutto
Bullismo e baby gang

Bullismo e baby gang

Bullismo e baby gang: strategie di prevenzione nelle scuole. Si manifestano nella scuola un numero crescente di comportamenti di aggressione con diverse modalità di espressione della violenza e differenti livelli di consapevolezza del fenomeno. Fenomeni preoccupanti,...

leggi tutto